La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 13

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023

Determinare le scoperte scientifiche di maggior impatto del 2023 richiede uno sguardo attento a quelle che trascendono i confini del conoscenza e rivelare aspetti fondamentali sulla natura e l’evoluzione della vita.

National Geographic ha intrapreso questa missione, esplorando le frontiere di ciò che sappiamo di noi stessi e di ciò che possiamo diventare.

Con un occhio al passato e un altro al futuro, la selezione evidenzia storie che modellano la traiettoria dell’umanità e del nostro pianeta.

Le 5 scoperte tecnologiche di maggior impatto del 2023

1. Ritorno della voce

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 16

L’impianto cerebrale può restituire la voce a chi l’ha persa. – Immagine: Brown University/Riproduzione

Nel 2023 assisteremo alla presentazione di un prototipo di impianto in grado di decodificare le onde cerebrali in parole e frasi.

Questa tecnologia innovativa, alimentata dall’intelligenza artificiale, solleva dibattiti etici e allo stesso tempo offre la promessa di migliorare significativamente la comunicazione per chi ha difficoltà di parola.

2. Origine della vita

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 17

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 18

Rappresentazione di due organismi eucarioti primordiali – Immagine: Eureka Alert/Reproduction

Nei paesi australiani furono scoperti fossili che rivelavano un “regno dimenticato” di forme di vita chiamate eucarioti.

Queste cellule sofisticate, risalenti a un periodo compreso tra 800 milioni e 1,6 miliardi di anni, contribuiscono a comprendere la discendenza degli esseri umani e di altre specie dotate di nuclei.

Uno scoperta che ridefinisce la nostra comprensione dell’origine della vita sul nostro pianeta.

3. Increspature nello spaziotempo

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 19

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 20

L’interazione dei buchi neri ha dato origine alle onde – Immagine: Live Science/Riproduzione

A giugno, l’Osservatorio nordamericano per le onde gravitazionali dei nanohertz ha annunciato il rilevamento di onde gravitazionali a bassa frequenza.

Queste increspature, derivanti dall’interazione tra buchi neri supermassicci, potrebbero convalidare la teoria della relatività di Einstein, creando increspature nel tessuto dello spazio-tempo.

4. La menopausa nel regno animale

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 21

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 22

La menopausa degli scimpanzé avviene intorno ai 50 anni – Immagine: Unsplash/Reproduction

Quest’anno gli scimpanzé sono stati aggiunti alla lista selezionata dei mammiferi che entrano in menopausa.

In relazione :  Come reagire ai messaggi in Facebook Messenger con diversi emoji

La scoperta, fatta osservando un gruppo di animali selvaggi in Uganda da più di due decenni solleva interrogativi sui benefici evolutivi derivanti dal vivere ben oltre il periodo riproduttivo, soprattutto rispetto alle balene, in cui le balene più anziane svolgono un ruolo cruciale nell’allevare quelle più giovani.

5. L’animale più grande della storia

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 23

La scienza avanza: le 5 scoperte più incredibili del 2023 24

Rappresentazione della balena preistorica – Immagine: Adamworks/Riproduzione

La balenottera azzurra ha perso il titolo di animale più grande di tutti i tempi a favore di un lontano cugino, il Colosso del Perucetus.

Con fossili rinvenuti Perùsi stima che queste colossali balene siano vissute 37 milioni di anni fa, raggiungendo l’incredibile lunghezza di 20 metri e 340 tonnellate.

Una rivelazione che sfida le nostre concezioni sulla grandezza della vita marina.

Ogni scoperta scientifica contribuisce alla nostra comprensione del mondo in cui viviamo, presentando affascinanti possibilità per il futuro della scienza e dell’umanità.