“Stavamo tutti piangendo”, dice Andy Murray parlando di un momento emozionante al Citi Open

Andy Murray, il 35enne britannico è considerato da molti un giocatore di livello mondiale, dopo il suo apice sulla trentina, Murray ha vinto 3 titoli del Grande Slam nel corso della sua carriera. Nonostante gli alti e bassi della sua carriera, Murray è sempre stato lodato come un giocatore con lo spirito di non mollare mai.

Gareggiando al Citi Open, Andy Murray ha perso contro gli svedesi Mikael Ymer nel primo turno del torneo per 7-6 (10/8), 4-6, 6-1, attraversando un periodo difficile, Murray ha perso contro Alexander Bublik all’Hall of Fame Tennis Championships qualche settimana fa nei quarti -finali della manifestazione.

Leggi anche: “Ti isoli e ti dimentichi”, Emma Raducanu si apre sui più grandi sacrifici che ha fatto per il tennis

Andy Murray si apre su un’esperienza emotiva dal Citi Open

Andy Murray 2 - Moyens I/O
Andy Murray

nel 2018, Andy Murray era su una buona corsa al Città apertavincendo i suoi 64 incontri contro Mackenzie Mcdonaldsedicesimi di finale contro Kyle Edmund e infine gli ottavi di finale contro Mario Copil. Murray ha vinto contro Copil 7-6, 3-6, 7-6 in una lunga partita in cui il britannico si è emozionato dopo essere uscito vittorioso.

Ripensando a questo incidente, Murray ha detto: “Il 2018 è stato un anno davvero difficile perché ho giocato un certo numero di partite lunghe quell’anno, molto in ritardo ed ero molto emozionato dopo una di queste, tutti pensavano che fossi così emozionato per aver vinto la partita e che fossi tornato da l’operazione che ho fatto, ma in realtà stavo lottando così tanto fisicamente, ero davvero sconvolto dal fatto che mi facesse male l’anca e ricordo di essere tornato negli spogliatoi con la mia squadra e stavamo tutti piangendo, ero tipo ‘posso’ Non farlo più, è troppo doloroso’ e lo ricordo molto, ma sono riuscito a tornare qui e relativamente indolore, quindi va bene.

Murray ha dovuto ritirarsi dal Citi Open quell’anno a causa dei suoi problemi di infortunio e ora il primo Wimbledon e US Open campione è tornato al torneo dove, purtroppo, è stato eliminato al primo turno.

Leggi anche: “Probabilmente sarà Rafa”, Daniil Medvedev crede che Rafael Nadal lo sostituirà come numero 1 del mondo entro la fine dell’anno

Leggi anche: “È un piacere guardarti”, l’ex calciatore Brandi Chastain etichetta Ons Jabeur come una forza da non sottovalutare

Seguici su: Google News | Facebook | Instagram | Twitter

In relazione :  Ash Barty eguaglia QUESTO record di Justine Henin, per superare presto Chris Evert