Spiegazione delle API dei social media (in termini semplici) 13

Spiegazione delle API dei social media (in termini semplici)

Modifiche recenti all’accesso API attivate Twitter e Reddit hanno portato nelle notizie il tema delle API dei social media.

Le API alimentano molti degli strumenti e delle funzionalità che utilizziamo ogni giorno nelle app e negli strumenti di marketing, ma sono essenzialmente invisibili a tutti tranne che agli sviluppatori. Quindi, cosa devi sapere sulle API come utente o professionista dei social media?

In questo post tratteremo tutto ciò che devi sapere sulle API dei social media per capire come influenzano gli strumenti online che utilizziamo ogni giorno.

Cos’è un’API per social media?

Fondamentalmente, un’API è un canale di comunicazione. Diversi programmi lo utilizzano per “parlare” tra loro e condividere dati in tempo reale. Pertanto, le API dei social media consentono agli sviluppatori di creare app e servizi che estendono la funzionalità delle piattaforme di social media.

Tutti vincono. Le piattaforme di social media beneficiano di questa funzionalità aggiuntiva senza dover creare nuove funzionalità da sole. Gli sviluppatori traggono vantaggio dalla creazione di nuove app a scopo di lucro. E gli utenti traggono vantaggio dall’accesso alle funzioni create dagli sviluppatori utilizzando l’accesso ai dati API.

Come funzionano le API dei social media?

Un’API per social media funziona collegando le piattaforme di social media con strumenti e app esterni. Fornisce agli sviluppatori esterni l’accesso a determinati tipi di dati necessari per il funzionamento degli strumenti relativi ai social media.

Tutte le reti di social media più diffuse dispongono di API che gli sviluppatori possono utilizzare per creare strumenti di gestione dei social media. Puoi approfondire i dettagli sul sito di ciascuna rete per gli sviluppatori:

  • API di Instagram
  • API di Facebook
  • API di YouTube
  • API di Twitter
  • API di LinkedIn
  • API Pinterest
  • API TikTok

Le reti decidono a quanti dati dei social media le loro API danno accesso agli sviluppatori. Ciò significa che le app e altri strumenti che ti aiutano a gestire i tuoi account sui social media devono rispettare le regole stabilite dalle piattaforme social. Ecco perché connettere gli account social a uno strumento di terze parti per la prima volta può essere complicato: le piattaforme social in genere ti chiedono di confermare il tuo consenso alla condivisione dei dati prima di concedere l’accesso iniziale tramite la loro API.

Le API dei social media determinano anche quali funzionalità gli strumenti di terze parti possono (e non possono) fornire. Sembra che i tuoi strumenti di gestione dei social media ti stiano facendo fare i salti mortali per portare a termine un compito? Probabilmente perché stanno lavorando per aggirare i limiti dell’API di una piattaforma social.

In relazione :  Come pianificare le storie di Instagram: una guida passo passo

Ad esempio, Instagram ha due API principali. L’API Instagram Basic Display consente agli sviluppatori di creare app a livello di consumatore (ad esempio app che consentono agli utenti di presentare il proprio feed Instagram sul proprio sito web). Questi richiedono solo l’accesso di base a un account Instagram.

Quali sono i diversi tipi di API dei social media?

API aperte

Fonte: Camwilliams96, CC BY-SA 4.0tramite Wikimedia Commons

Le API aperte sono interfacce disponibili pubblicamente. Questi sono talvolta chiamati anche API pubbliche o a API gratuita per social media.

In genere, questi non forniscono accesso a dati proprietari o protetti da copyright. Sono invece progettati per aiutare gli sviluppatori a utilizzare i dati disponibili pubblicamente.

Ad esempio, l’API JavaScript di Google Maps consente a chiunque di creare una mappa con un indicatore di luogo specifico e incorporarla nel proprio sito web. Si tratta di un uso personalizzato dei dati già disponibili pubblicamente in Google Maps.

Ecco come apparirebbe il codice per una pagina web di base con una mappa personalizzata creata utilizzando l’API JavaScript di Maps:

Codice API JavaScript di Google per la pagina Web di base con mappa personalizzata

Fonte: Piattaforma Google Maps

Gli sviluppatori potrebbero dover registrarsi per l’accesso o l’autenticazione per utilizzare le API aperte. Nell’esempio sopra puoi vedere la chiave API, che è una forma di autenticazione. L’altra forma di autenticazione talvolta richiesta per le API aperte è denominata OAuth.

Per utilizzare le API di Facebook, ad esempio, gli sviluppatori devono creare un account sviluppatore. Prima che un’app che utilizza le API di Facebook venga pubblicata, lo sviluppatore deve aggiungere un’azienda verificata all’app. Devono anche rispondere ad alcune domande sulle loro pratiche di trattamento dei dati. L’app passa quindi alla revisione.

API dei partner

Le API partner sono disponibili solo per i partner commerciali approvati. Prima che gli sviluppatori possano accedere all’API, devono richiedere l’approvazione. Successivamente viene concesso loro un tipo specifico di accesso sotto forma di licenza o accordo sui diritti.

Poiché queste API forniscono accesso a dati che non sono disponibili pubblicamente, il loro utilizzo è molto più limitato. Di solito si limitano a svolgere un compito specifico. L’autenticazione è solitamente richiesta sotto forma di token di accesso.

API interne

Le API interne vengono utilizzate per aiutare diversi sistemi all’interno di un social network a funzionare meglio insieme. Forniscono l’accesso ai dati di backend per gli sviluppatori che lavorano per l’azienda o sono stati incaricati dall’azienda. Questi non sono accessibili agli sviluppatori esterni. Questi sono talvolta chiamati anche API private.

Le API dei social media sono sicure?

Uno dei principali vantaggi delle API è che utilizzano vari protocolli di sicurezza per proteggere le informazioni durante il trasferimento tra le applicazioni.

Ricorda, la “I” in API sta per “interfaccia”. L’interfaccia funziona come un intermediario tra le applicazioni e i tuoi dispositivi. Le applicazioni condividono solo le informazioni necessarie per eseguire attività specifiche.

opzione per concedere ad app o strumenti come Moyens I/O l'accesso all'account LinkedIn

Ma anche con questi guardrail, le API presentano sicuramente delle vulnerabilità, poiché creano un potenziale punto di accesso ai dati per i malintenzionati. Nel 2018 gli hacker hanno sfruttato le vulnerabilità delle API di Facebook in una massiccia violazione. Hacking su Twitter nel 2022.

Le API sono fondamentali per la funzionalità della piattaforma di social media, quindi le società di social media lavorano costantemente per migliorare la sicurezza. Dal lato utente, è una buona idea limitare l’utilizzo di app di social media di terze parti a quelle che dispongono dei propri protocolli di sicurezza.

In relazione :  Cosa significa in sospeso nell'app Snapchat?

Altri 6 fatti interessanti sulle API dei social media

1. Le API dei social media alimentano i chatbot interattivi

Le API sono la forza di collegamento che consente a chatbot personalizzati, interattivi e basati sull’intelligenza artificiale di funzionare su piattaforme di social media. Hai mai interagito con un chatbot su Facebook Messenger? Quella conversazione è stata resa possibile dall’API di Facebook Messenger.

2.Le API dei social media di piattaforme diverse possono essere utilizzate insieme

Ogni social network ha le proprie API. Ma gli sviluppatori possono utilizzare queste API in combinazione per creare strumenti che forniscano funzionalità per più social network. Ciò rende la vita molto più semplice per chiunque abbia più di un account sui social media.

3. Le API dei social media sono generalmente gratuite, ma Twitter ha recentemente cambiato la situazione

Twitter ha scatenato un ampio dibattito sull’uso delle API nel febbraio 2023, quando ha annunciato che il loro accesso gratuito alle API sarebbe stato chiuso. A maggio hanno lanciato i prezzi di accesso a livelli API:

  • Gratuito per “casi d’uso di sola scrittura e test dell’API di Twitter”
  • $ 100 al mese per “hobbisti o prototipi”
  • $ 5.000 al mese per “le startup che ampliano la propria attività”
  • E, secondo quanto riferito, fino a 42.000 dollari al mese per “aziende e progetti commerciali su larga scala”

Reddit presto seguì l’esempio. Hanno annunciato che l’accesso alle API commerciali richiederebbe una tariffa mensile significativa.

Ciò ha portato alla chiusura di molte app di terze parti più piccole per Twitter e Reddit. Resta da vedere se questa tendenza continuerà anche su altre piattaforme social.

4. Le piattaforme di social media continuano a creare nuove API

Man mano che le piattaforme social creano nuove funzionalità, devono creare e rilasciare nuove API.

Ad esempio, Meta ha aggiunto un’API Reels per Instagram alla fine di giugno 2002. Ha poi aggiunto un’API Reels per Facebook a settembre. Nel maggio 2023, Meta ha aggiunto le storie di Instagram all’API di pubblicazione dei contenuti di Instagram. Ciò ha portato ad annunci come questo:

5. Le API dei social media potrebbero aiutare a prevenire le malattie croniche o migliorare la risposta alle catastrofi

Le API dei social media forniscono ai ricercatori informazioni preziose che possono essere utilizzate per il bene pubblico, come prevenire malattie croniche o ricevere avvisi tempestivi sui disastri naturali.

Ad esempio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha creato un progetto pilota per raccogliere dati sul COVID-19 dalle conversazioni pubbliche online, anche attraverso l’API di monitoraggio dei social media. Altri ricercatori hanno analizzato i dati relativi all’avvelenamento da nicotina utilizzando hashtag e API di TikTok.

L’ultima proposta è quella di sviluppare un sistema per aiutare a prevenire le malattie croniche identificando potenziali fattori di rischio sulla base delle informazioni raccolte tramite le API dei social media.

pipeline di monitoraggio e analisi dei social media

Fonte: Diana Braga et al. / Procedia Informatica 220 (2023) 820–825

I ricercatori hanno anche suggerito che i dati raccolti dalle API dei social media potrebbero aiutare i governi e le organizzazioni di soccorso a comprendere meglio cosa sta accadendo sul campo nelle aree disastrate in modo che possano migliorare la loro risposta.

6. LinkedIn ha adottato un approccio API-first

Questa è un’indicazione interessante di quanto valore LinkedIn vede negli strumenti creati da sviluppatori di terze parti. Nell’estate del 2022, hanno iniziato a modificare le versioni delle loro API di marketing.

Nell’ambito di questa modifica alla piattaforma API, hanno stabilito che le nuove funzionalità sarebbero state lanciate sull’API partner contemporaneamente al lancio sull’interfaccia utente di LinkedIn. In alcuni casi, verrebbero effettivamente avviati prima sull’API del partner.

Moyens I/O Staff ti ha motivato, dandoti consigli su tecnologia, sviluppo personale, stile di vita e strategie che ti aiuteranno.