La modalità di navigazione in incognito di Google è nei guai 13

La modalità di navigazione in incognito di Google è nei guai

Google potrebbe presto trovarsi nei guai per cancellare i dati privati ​​di milioni di utenti se la proposta di risoluzione di un’azione legale collettiva verrà approvata, secondo Il limite.

La proposta di transazione fa parte della causa Brown contro Google, per la quale il colosso della tecnologia ha accettato di “distruggere o deidentificare” i dati di navigazione web che ha salvato dalle persone che utilizzano la funzione “Modalità di navigazione in incognito” sul browser Google Chrome. Google sarebbe responsabile dell’eliminazione di miliardi di record e di assicurarsi che i record non cancellabili non siano associati ai singoli utenti.

Sebbene la proposta sia stata depositata lunedì presso un tribunale federale della California, la causa è in corso dal 2020. Google è accusata di non rendere consapevoli gli utenti della misura in cui è ancora possibile accedere ai loro dati in modalità di navigazione in incognito. Gli utenti credevano che Google avesse fornito una spiegazione poco chiara dello scopo del suo meccanismo di navigazione privata per tracciare illegalmente le persone.

La società non è d’accordo, sottolineando che Google, i fornitori di servizi Internet (ISP) e i datori di lavoro sono sempre stati in grado di visualizzare e raccogliere dati dalla cronologia del browser Chrome, anche in modalità di navigazione in incognito.

A gennaio, i giornalisti hanno trovato una versione Canary di una modalità di navigazione in incognito aggiornata che spiega più chiaramente cosa viene nascosto quando si entra nello stato di navigazione.

Anche così, 136 milioni di utenti Google trarranno vantaggio da questo caso se la proposta di transazione verrà approvata. Google dovrà distruggere o rendere anonimi i dati raccolti dagli utenti che navigano in modalità di navigazione in incognito a partire da dicembre 2023.

Altre clausole dell’accordo includono che Google accetta di bloccare i cookie di terze parti per impostazione predefinita in modalità di navigazione in incognito. Ciò impedirà alla società di tracciare gli utenti su siti Web di terzi quando dovrebbero essere irrintracciabili.

Nonostante la valutazione di 5 miliardi di dollari della proposta, in questo caso gli utenti non riceveranno danni finanziari in cambio delle modifiche che Google sta apportando ai suoi dati e alla sua politica. Tuttavia, puoi presentare personalmente richieste di risarcimento danni presso il tribunale dello stato della California secondo i termini della transazione. Finora sono state presentate 50 denunce note.

In relazione :  NYT Connections: suggerimenti e risposte per domenica 10 marzo