‘Blonde’: la madre di Marilyn Monroe ha cercato di ucciderla da bambina?

Il nuovo film Netflix bionda fa ronzare il pubblico sulla sua rappresentazione romanzata della vita di Marilyn Monroe. Una parte significativa del film si concentra sulla relazione di Monroe con sua madre, Gladys Peal Baker, e sugli abusi che ha subito per mano sua. In una scena angosciante, Baker tenta di annegare Monroe da bambina, ma la madre di Monroe ha mai cercato di ucciderla nella realtà?

“Blonde” vede Ana de Armas nei panni di Marilyn Monroe e Julianne Nicholson nei panni di Gladys Baker

Il romanzo di Joyce Carol Oates, chiamato anche bionda, ha ispirato la versione per Netflix del regista Andrew Dominik. Dominick lo ha chiarito di bionda la storia è interamente di finzione, ma ha alcune pepite di verità intrecciate nella storia.

Julianne Nicholson assume il ruolo di Baker nel film. I medici hanno diagnosticato a Baker una schizofrenia paranoica, che ha portato all’abuso d’infanzia di Monroe. All’inizio del film, iniziano gli incendi nelle colline di Hollywood e Baker guida una giovane Monroe verso gli incendi per portarla a casa di suo padre. Tuttavia, i poliziotti la fermano e le dicono di voltarsi, e scoprono che Baker è deluso.

Quando Baker e Monroe tornano al loro appartamento, Baker fa un bagno bollente per Monroe mentre si spoglia e il bambino. Costringe Monroe a entrare in acqua e poi la spinge con forza sotto nel tentativo di annegarla. Monroe scappa e corre a casa della sua vicina, la casa di Miss Flynn (Sara Paxton).

La madre di Marilyn Monroe ha davvero cercato di ucciderla da bambina?

Nessun documento ufficiale delle forze dell’ordine indica che la madre di Monroe abbia mai cercato di ucciderla da bambina, ma la stellina ha affermato di averlo fatto tre volte separate. Secondo il libro di Keith Badman, Marilyn Monroe: Gli ultimi anniuno dei mariti di Monroe, Arthur Miller, ha detto alla BBC che Baker ha tentato di uccidere Monroe.

“Sua madre era piuttosto arrabbiata. Per la maggior parte della sua vita, Marilyn ha spesso osservato come potesse ancora ricordare vividamente questi orribili incontri”, è stato registrato dicendo che Miller nel libro di Badman.

La nonna di Marilyn Monroe, Della Monroe, ha cercato di ucciderla da bambina

Inoltre, la nonna di Monroe ha anche cercato di ucciderla una volta da bambina. J. Randy Taraborrelli entra nei dettagli nel suo libro, La vita segreta di Marilyn Monroe, sulla nonna di Monroe, Della Monroe. Della sperimentò deliri simili a Baker. Tuttavia, è riuscita a convincere Baker che non poteva prendersi cura di Monroe da bambina, e l’hanno data a Ida e Wayne Bolender dall’altra parte della strada.

La fiducia di Della nella decisione di consentire a un’altra famiglia di crescere Monroe non durò a lungo. In La vita segreta di Marilyn Monroe, Taraborrelli scrive che nel 1927 Della si recò a casa del Bolender e volle vedere Monroe. All’inizio, Ida si rifiutò di farla entrare, ma alla fine cedette.

Dopo aver rotto il vetro di una finestra con il gomito, Della insistette che Monroe fosse morta e che i Bolenders lo nascosero a Baker. Per placare Della, Ida le preparò un bicchiere d’acqua. Tuttavia, quando è tornata, ha trovato Della che teneva un cuscino sopra il bambino nella sua culla.

“’Ida è diventata quasi isterica’, ha detto un amico di Gladys nel raccontare la storia. «Ha afferrato il bambino. Della ha detto che il cuscino del bambino era scivolato e lei lo stava semplicemente risistemando. Ma Ida fu molto turbata e pretese che Della uscisse di casa». Marilyn Monroe – e persino i Bolenders – hanno raccontato variazioni di questa storia molte volte nel corso degli anni”, scrive Taraborrelli.

bionda è ora in streaming esclusivamente su Netflix.

In relazione :  Quanti libri ci sono nella serie "La scuola del bene e del male"?