In che modo l’uso degli indicatori di direzione influisce sull’autonomia di un veicolo elettrico?

Poiché sempre più produttori di automobili passano a formazioni prevalentemente elettriche, l’attenzione si concentra sui costi e sulla realtà quotidiana della guida di un veicolo elettrico (EV). Mentre il consumo elettrico più apparente in un veicolo elettrico è la guida su strada o autostrada, tutto il accessori e funzioni contribuiscono all’energia utilizzata.

Tutto all’interno del tuo veicolo richiede energia per funzionare, dalla radio al riscaldamento e all’aria condizionata. Detto questo, diverse funzioni utilizzano diverse quantità di energia. Anche le parti apparentemente piccole di un veicolo elettrico consumano energia. Questo porta a chiedersi, quanta elettricità consuma l’indicatore di direzione di un veicolo elettrico?

Come viene misurato il consumo di energia di un veicolo elettrico?

Per anni, la maggior parte delle persone si è abituata a misurare il consumo di energia della propria auto in base a quante miglia per gallone (mpg) consuma. Il consumo di carburante dell’auto è influenzato dalla marca e dal modello, dalla manutenzione, dal tempo e dalle condizioni di guida. Un EV è simile ma ha ancora le sue differenze. Pneumatici, condizioni stradali, manutenzione dell’auto e altro influenzeranno l’autonomia di un veicolo elettrico. Ma il modo in cui viene misurato è diverso.

L’autonomia di un veicolo elettrico si misura in kilowattora (kWh). È utile sapere come viene misurata l’elettricità per capire cosa significa. Secondo Just Energy, un watt è l’unità di base della potenza utilizzata per misurare l’elettricità e un kilowatt è 1.000 watt.

Tuttavia, questo non è lo stesso di un kWh perché un kWh è la quantità di tempo necessaria per utilizzare un kilowatt di potenza. Virta stima che la media dei veicoli elettrici utilizzi 0,20 kWh/KM, ma questo numero è influenzato da numerosi fattori, tra cui condizioni meteorologiche, traffico e caratteristiche dei veicoli elettrici, proprio come i veicoli a benzina.

Quanti kWh consumano gli indicatori di direzione di un veicolo elettrico?

” src=” frameborder=”0″ allow=”accelerometro; riproduzione automatica; scrittura negli appunti; media crittografati; giroscopio; picture-in-picture” allowfullscreen>

Quando acquisti un veicolo elettrico, ti verrà presentata un’autonomia stimata, ma capire cosa può influire su tale autonomia può essere utile. Forse stai guidando e noti che il tuo chilometraggio disponibile è basso; cosa puoi fare per estendere i tuoi chilometri alla prossima centrale elettrica? Spegnere la radio, l’aria condizionata o scollegare il telefono sarebbe di grande aiuto?

Sebbene il calcolo del consumo energetico di un veicolo possa sembrare impossibile, il chief technology officer di Silver Power Systems, Pete Bishop, ha redatto WIRED un foglio di calcolo con il consumo energetico di oltre 50 componenti dell’auto. L’elenco include sistemi significativi come la regolazione della temperatura e funzionalità meno pensate come i fari.

In relazione :  12 migliori sfondi di anime in HD e 4K che devi ottenere ora
” src=” frameborder=”0″ allow=”accelerometro; riproduzione automatica; scrittura negli appunti; media crittografati; giroscopio; picture-in-picture” allowfullscreen>

Sebbene i fari, le luci dei freni e gli indicatori di direzione di un veicolo elettrico non siano mai qualcosa a cui un guidatore dovrebbe rinunciare per motivi di sicurezza, inoltre non consumano molta energia. Motor Authority ipotizza che il segnale di svolta di un veicolo elettrico utilizzerà 70 watt all’ora, ma nessuno utilizzerà apposta un segnale di svolta per un’ora di fila.

Più probabilmente, un segnale di svolta viene utilizzato solo per pochi secondi alla volta, quindi l’Autorità automobilistica ha calcolato il consumo di energia per un tipico segnale di svolta di cinque secondi. Se un conducente utilizza un segnale di svolta per cinque secondi, consumerà 0,08 watt di energia.

Quanto influisce il segnale di svolta sull’autonomia di un veicolo elettrico?

” src=” frameborder=”0″ allow=”accelerometro; riproduzione automatica; scrittura negli appunti; media crittografati; giroscopio; picture-in-picture” allowfullscreen>

Per capire quanto il segnale di svolta influisca sull’autonomia di un veicolo elettrico, dobbiamo convertire i 0,08 watt utilizzati in kWh. 0,08 watt si convertono in 0,00008 kWh di potenza. Per mettere questo in prospettiva, l’EV medio utilizza 25 kWh per 100 miglia, il che significa che il segnale di svolta da 0,00008 kWh avrà un effetto minuscolo sull’autonomia.
Ci sono molti modi per estendere l’autonomia di un veicolo elettrico estendendo le distanze tra i rifornimenti di potenza che possono farti risparmiare tempo e denaro. Fortunatamente, le caratteristiche di sicurezza come gli indicatori di direzione non sono tra queste.

CORRELATI: I veicoli elettrici hanno molti vantaggi: non vorrai mai più comprare un’auto a benzina